di Giulio Rubino e Cecilia Anesi

In occasione della sua incarcerazione avvenuta oggi, sui giornali italiani è stato scritto che Cipriano Chianese è il padre dell’ecomafia verso la Terra dei Fuochi. In realtà la storia racconta che Chianese, Vassallo, Sandokan, Cannavale, Perrella, Cerci, Cicciotto e’ mezzanott’, Iovine e Zagaria i rifuti tossici li tombavano, e li tombavano prima a Villaricca (dove grazie alla famosa riunione il traffico fu deciso), Giugliano and Qualiano e poi nelle aree conosciute come Il Triangolo della Morte (Nola, Acerra, Marigliano).

Solo molti anni dopo, quando il Triangolo della Morte era strabordante di rifiuti, si e’ iniziato a praticare un nuovo tipo di smaltimento nelle aree oggi conosciute come la Terra dei Fuochi, Qualiano-Giugliano-Villaricca, e cioe a dare fuoco direttamente ai rifiuti. Ecco un video che ne racconta una parte, quella dei Regi Lagni: