Dino Maglio, o Leonardo, come gli piaceva farsi chiamare, di giorno era un carabiniere, di notte uno stupratore seriale. A l lavoro la divisa, a casa la violenza. Era iscritto su Couchsurfing, un sito che permette di trovare e offrire ospitalità gratuita per viaggiare nel mondo. Giocava all’ospite perfetto, ma, come un ragno che tesse la tela, aspettava paziente le sue vittime, poi le tramortiva con una droga, e le violentava. Lo accusano 16 ragazze, tutte giovanissime e tutte entrate in contatto con lui tramite lo stesso sito. Ora il carabiniere è detenuto nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. E qui conta i giorni che lo separano dall’inizio processo, fissato per il 17 marzo a Padova, teatro dei fatti.

Di giorno carabiniere, di notte stupratore“, di Cecilia Anesi e Giulio Rubino.
5 febbraio 2015

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Per ricevere al tuo indirizzo le nostre ultime inchieste, articoli e novità.

Sei stato iscritto con successo! Controlla la tua cartella SPAM per confermare l'iscrizione.