C’è un buco nero in cui spariscono i leader del movimento di Fethullah Gulen, accusato del tentato golpe del 2016: rapimenti all’estero, voli misteriosi da Pristina (Kosovo) e torture. Per la prima volta parlano due sopravvissuti e ci raccontano tutto.

Un progetto di inchiesta condotto da Correctiv a cui participano Il Fatto Quotidiano, El Pais, Le Monde, Addendum, Zdf, Frontal21, Haaretz, Tt e Mandag Morgen.

La Guantanamo per i nemici di Erdogan“, di Lorenzo Bagnoli.
11 dicembre 2018

Share This