di Lorenzo Bagnoli

Il 9 febbraio il Times di Londra ha pubblicato un’inchiesta che mette sotto accusa l’ong britannica Oxfam. I fatti risalgono al 2011, ad Haiti, dove l’organizzazione non governativa aveva una missione che la vedeva impegnata nella ricostruzione dell’isola dopo il terremoto.

La fonte del Times è un documento, un’indagine confidenziale del 2011 – che parla di episodi di prostituzione, uso di materiale pornografico, intimidazione – che coinvolge in totale sette persone. Nel report non si esclude che le prostitute ingaggiate dagli operatori di Oxfam fossero minorenni.

Il nome più ingombrante è l’allora capo missione, il belga Roland van Hauwermeiren. Il diretto interessato ha pubblicato in olandese una lettera aperta per difendersi dalle accuse. Nel 2011 il direttore era stato allontanato dall’organizzazione dopo l’ammissione di essere andato a letto con giovani haitiani dopo aver loro dato degli aiuti umanitari, senza però che fosse segnalata alcuna violenza alla polizia haitiana, né aperta una vera inchiesta sul suo conto. […]

L’articolo completo è stato pubblicato su OsservatorioDiritti il 19 febbraio 2018.

Share This